immagine sottosezione



A relation of a journey begun An. Dom. 1610  (1652)
Antiquitates selectae septentrionales ed celticae  (1720)
Figures d'Homère  (1801-1802)

Indice > Le Lettere e le Arti > Fondo Comparetti


Fondo Comparetti


Domenico Comparetti nacque il 1 luglio 1835 a Roma, dove, dopo aver conseguito la laurea in Farmacia e Scienze naturali, si dedicò ben presto ai suoi interessi antiquari e agli studi umanistici. Nel 1859, ormai conosciuto a livello europeo grazie alle sue prime dissertazioni filologiche, gli venne affidata, giovanissimo, la cattedra di Lingua e letteratura greca all'Università di Pisa. Qui insegnò fino al 1872, anno in cui ottenne il trasferimento all'Istituto di Studi Superiori di Firenze (oggi Università ). Nel 1887, dopo quindici anni di insegnamento, Comparetti preferì lasciare l'incarico per dedicarsi esclusivamente alle proprie ricerche: lo sostituì alla cattedra l'ex-allievo Girolamo Vitelli.
Nel periodo fiorentino Comparetti dette il più alto numero di contributi agli studi classici, con saggi di letteratura, filologia e archeologia. Durante la sua lunga e operosa esistenza si era occupato di diversi rami delle scienze umanistiche: i suoi interessi erano vastissimi e andavano dall'antichità preclassica al Medioevo. Oltre agli studi di mitologia e letterature comparate, di novellistica e tradizioni popolari, notevoli furono i contributi in campo epigrafico, in particolar modo nell'epigrafia cretese con la pubblicazione dell'iscrizione di Gortyna, portata alla luce dall'allievo Federico Halbherr nel 1884. Degno di nota il suo impegno per la nascita e lo sviluppo degli studi papirologici in Italia. Si occupò dei papiri di Ercolano studiandoli e promuovendone le edizioni, di quelli greci rinvenuti in Egitto, finanziandone il recupero, e, con Vitelli, studiandone i contenuti. Senatore dal 1891, Comparetti non abbandonò gli studi fino all'ultimo e, anche poco prima di morire, sembra che attendesse a nuovi progetti di lavoro: sulla scrivania c'erano le bozze della sua ultima fatica, pubblicata postuma. Comparetti si spense all'età di novantuno anni, nella notte del 20 gennaio 1927.
Il legato Comparetti pervenne, dopo la morte del donatore, alla Biblioteca della Facoltà di Lettere e Filosofia per volere testamentario.
L'attività scientifica e gli interessi di Comparetti sono ampiamente attestati nel fondo librario, dove sono conservate opere monografiche, collane, estratti e riviste. Amante del libro e di edizioni rare, egli possedeva cinquecentine e pregevoli edizioni del Seicento e del Settecento. La parte più consistente del fondo è tuttavia quella ottocentesca, a lui contemporanea, e che ci testimonia l'evolversi degli studi a cui si dedicò nella sua lunga esistenza. La composizione del fondo è eterogenea e, oltre a testimoniare, attraverso i testi appartenutigli, i campi in cui si era svolta la sua attività, rivela anche le sue conoscenze linguistiche e i contatti avuti con colleghi e amici.
Il numero complessivo dei volumi di cui è composto il fondo librario è in fase di stima; il nucleo maggiore comprende libri di filologia e letteratura classica, letterature nordiche, papirologia. A se stanti la sezione di filologia romanza e la sezione di archeologia; quest'ultima, con segnatura Gab. Arch., comprende un consistente numero di testi di epigrafia e archeologia classica.
Clara Gambaro

Indice > Le Lettere e le Arti > Fondo Comparetti