immagine libro




(Cliccare su ogni immagine per ingrandirla)

Indice > Le Scienze sociali > Breve itinerario tra i libri giuridici > Pauli Castrensis In primam [-secundam] Digesti veteris partem


Pauli Castrensis In primam [-secundam] Digesti veteris partem
(1548)
Paolo di Castro

Pauli Castrensis In primam [-secundam] Digesti veteris partem Patauinae praelectiones, Francisci Curtii, aliorumque omnium, qui in id hactenus incubuerunt, quam doctiss. annotationibus illustratae, & ad vetustissimor. exemplarium manu typoque excusorum fidem, recens ac denuo repurgatae, locisque non dicendis sedulo restitutis, hac nota praesignatis, multo quam antehac auctiores redditae. Accedunt his, cuiuspiam iuris cultoris egregie docti obseruationes ad marginem hac nota praecisae, cum doctae, tum vel maxime vtiles.
Lugduni, ad candentis Salamandrae insigne, in Vico Mercenario apud Senetonios fratres, 1548.
2 v., in fol.

Paolo di Castro (1360-1441 ca.) appartiene alla scuola dei commentatori. Insegnò ad Avignone, dove si era addottorato, a Siena, nuovamente ad Avignone, a Firenze e a Padova. A Firenze, nel 1411, usufruì di una dispensa papale che gli consentì di rivestire la carica di vicario spirituale del vescovo Amerigo Corsini, pur essendo coniugato. Fornì consigli all'arte fiorentina dei giudici e dei notai, e nel 1414 la Signoria lo chiamò a collaborare alla riforma degli statuti cittadini (v. Statuta populi et communis Florentiae). Fu esegeta del Digesto e del Codice. I suoi Consilia rappresentano il frutto più cospicuo della giurisprudenza consulente dell'epoca, dopo quelli di Bartolo e Baldo.

Indice > Le Scienze sociali > Breve itinerario tra i libri giuridici > Pauli Castrensis In primam [-secundam] Digesti veteris partem