immagine libro

immagine libro




(Cliccare su ogni immagine per ingrandirla)

Indice > Le Scienze sociali > Breve itinerario tra i libri giuridici > Codice di Napoleone il grande pel Regno d'Italia


Codice di Napoleone il grande pel Regno d'Italia
(1806)

Codice di Napoleone il grande pel Regno d'Italia. Edizione fiorentina secondo la edizione originale ed ufficiale di Milano colle citazioni delle leggi romane.
Firenze, presso Guglielmo Piatti, 1806.
In 4?.

Del Code Napoléon fu stampata a Firenze anche un'altra traduzione, assai diversa, a cura della Stamperia imperiale. Quella che circolò nelle regioni italiane della Francia (dal Piemonte alla Toscana al Lazio) fu la traduzione ufficiale di Milano del 1806, riprodotta con minime variazioni anche a Lucca e Napoli, le altre capitali di stati napoleonici in Italia. Edizione fiorentina, privata. Caratteristica la citazione di passi del Corpus iuris in calce agli articoli del codice. Chi sapeva di diritto si era formato sul Corpus iuris e al Corpus iuris voleva ricollegare le norme di nuova introduzione. Nella carta che segue il frontespizio è stampato il decreto di Napoleone, sottoscritto dal ministro di giustizia conte Luosi, che approva le traduzioni del codice, ne fissa l'entrata in vigore al primo aprile 1806 e decide che a tale data cesseranno d'aver forza tutte 'le leggi romane, le ordinanze, consuetudini generali o locali, gli statuti o regolamenti' nelle materie che formano oggetto delle disposizioni contenute nel codice.

Indice > Le Scienze sociali > Breve itinerario tra i libri giuridici > Codice di Napoleone il grande pel Regno d'Italia