immagine libro




(Cliccare su ogni immagine per ingrandirla)

Indice > Le Scienze sociali > Breve itinerario tra i libri giuridici > Leges Longobardorum


Leges Longobardorum
(1537)

Leges Longobardorum cum argutissimis glosis. D. Caroli de Tocco Sicculi: multis marginalibus postillis decorate. Vna cum capitulari gloriosissimi Caroli Magni regis Francorum. Addita fuere insuper in easdem leges luculentissima commentaria eminentissimi doctoris domini Andree de Barulo. Necnon annotationes clarissimi iuris utriusque interpretis Nicolai Boctij. Preterea triplex alphabeticum repertorium: quod omnia cognitu digna in ictu oculi demonstrat. Que omnia nuper in lucem, sunt edita: cunctisque mendis & erroribus diligenter expurgata.
Colophon: Venetijs, per Dominicum Lilium et fratres, impensis vero d.ni Melchioris Sessa, 1537.
In 8?.

Editti dei re longobardi in Italia da Rotari ad Astolfo, 643-755, e Capitulare (Italicum) di Carlomagno (e suoi successori, sec. VIII-XI). Assieme compongono la Lombarda, testi del diritto longobardo-franco validi per l'Italia, disposti in ordine sistematico. Attorno ai testi è stampato l'apparato di glosse di Carlo di Tocco, beneventano (circa 1200). Andrea da Barletta, sec. XIII, è autore d'un libretto sulle differenze tra diritto longobardo e romano (qui, cc. 232v.-240r.). Giovan Battista Nenna, barese, curatore di questa edizione, è autore di una Longobardorum vocabulorum expositio (qui, 3 facciate prima della c. 1). L'edizione documenta l'interesse dei giuristi meridionali per la Lombarda, che nelle due Sicilie era rimasta più a lungo in uso. Nel tit.: 'Boctij' è errore di stampa per 'Boerii' (Nicolas Bohier, giudice a Bordeaux, 1469-1539, a cui si deve la prima edizione della Lombarda, 1512).

Indice > Le Scienze sociali > Breve itinerario tra i libri giuridici > Leges Longobardorum